NON ERA DA LUF [CICLISTI, NON LASCIAMO SCHIFEZZE PER TERRA!]

Una gran fondo, anche per chi non la prende troppo seriamente, resta pur sempre una gara e durante una gara alcune cose possono andare storte. Poi ci sono delle volte in cui tutto va storto. Brutto tempo, ritardi in partenza, guasti meccanici, forature. Quando succede tutto contemporaneamente, mantenere la calma è difficile. E qualche giornoContinua a leggere “NON ERA DA LUF [CICLISTI, NON LASCIAMO SCHIFEZZE PER TERRA!]”

POGAČAR È IL NUMERO 1: IL LOMBARDIA AL CONTRARIO NON MI È PIACIUTO

Tour de France, Liegi Bastogne Liegi e Lombardia nello stesso anno. Come Merckx. Più UAE Tour, Tirreno Adriatico, bronzo olimpico e altre vittorie minori. Competitivo e protagonista in ogni singola gara in cui ha partecipato da febbraio a settembre. Il ciclismo contemporaneo ci ha regalato una fresca ventata di campioni del calibro di Roglič, Alaphilippe,Continua a leggere “POGAČAR È IL NUMERO 1: IL LOMBARDIA AL CONTRARIO NON MI È PIACIUTO”

GF TRE VALLI VARESINE 2021: UNA CORSA DA (NON) DIMENTICARE

Io so benissimo di non essere da Granfondo, però ogni tanto mi faccio fregare. Ma sì, che sarà mai? Una mattinata in provincia di Varese, vicino a casa mia, su un percorso non troppo duro e non troppo lungo. Il buongiorno si è visto dal mattino: pioggia torrenziale. Esco molto presto di casa, è ancoraContinua a leggere “GF TRE VALLI VARESINE 2021: UNA CORSA DA (NON) DIMENTICARE”

DIVENTARE CAMPIONE A 31 ANNI SI PUÒ: SONNY COLBRELLI [attenzione, contiene polemiche]

Lunedì mattina l’Italia si è risvegliata ‘paese ciclistico’. Mentre cercavo le mie parole migliori per descrivere la straordinaria impresa di Sonny Colbrelli, mi è bastata una rapida carrellata su siti e social per scoprire che non sarei riuscito ad aggiungere qualcosa di nuovo a quanto detto e scritto, anche da chi il ciclismo l’ha sempreContinua a leggere “DIVENTARE CAMPIONE A 31 ANNI SI PUÒ: SONNY COLBRELLI [attenzione, contiene polemiche]”

SE PROPRIO DOVEVA ESSERE UN FRANCESE, CHE FOSSE IL PIÙ FORTE

Non farete alcuna fatica a trovare, nelle cronache della prova in linea del mondiale nelle fiandre, feroci polemiche su tattiche errate da parte dei commissari tecnici di questa e quella nazionale. Ma se alla fine vince il più forte, tutto si calma. E il grande Julien Alaphilippe, domenica, è stato il più forte di tutti.Continua a leggere “SE PROPRIO DOVEVA ESSERE UN FRANCESE, CHE FOSSE IL PIÙ FORTE”

FILIPPO GANNA È ANCORA CAMPIONE DEL MONDO, CASSANI DICE COSE STRANE

Nell’estate di grazia dello sport italiano, l’oro di Filippo Ganna al mondiale a cronometro sembra probabilmente il più scontato. Ma mica tanto. Parto da una strana dichiarazione rilasciata dal commissario tecnico della nazionale Davide Cassani un paio di giorni fa: “Abbiamo deciso di sacrificare l’europeo per puntare al mondiale”. Praticamente sostiene che era tutto studiatoContinua a leggere “FILIPPO GANNA È ANCORA CAMPIONE DEL MONDO, CASSANI DICE COSE STRANE”

DUE BIMBE INVESTITE DA UN’AUTO FANNO MENO RUMORE DI UN CICLISTA CHE PICCHIA SU UN COFANO

Quando desidero farmi del male faccio un giro sulle pagine Facebook di cronaca locale e commento i post in cui, in caso di incidenti che coinvolgono i ciclisti, questi ultimi vengono accusati di essere sempre i veri responsabili, anche se ormai giacciono al camposanto dopo essere stati investiti da un’auto passata col rosso. Mi sonoContinua a leggere “DUE BIMBE INVESTITE DA UN’AUTO FANNO MENO RUMORE DI UN CICLISTA CHE PICCHIA SU UN COFANO”

GF STRADE BIANCHE 2021: SON GIUNTO AL TRAGUARDO TRE ORE E CINQUE MINUTI DOPO IL PRIMO E SONO FELICE

Nel 2017 provai la medio fondo, circa 70km. Come già raccontato qui, fu una giornata terribile: caddi, andai in crisi e i crampi mi costrinsero a fare tutte le ultime salite a piedi. Giurai a me stesso che sarei tornato, e dopo 4 anni, nonostante l’inesorabile scorrere del tempo (son 41), ci ho riprovato. QuestaContinua a leggere “GF STRADE BIANCHE 2021: SON GIUNTO AL TRAGUARDO TRE ORE E CINQUE MINUTI DOPO IL PRIMO E SONO FELICE”

FABIO ARU: IL CORRIDORE MISTERIOSO

Quando si parla di Fabio Aru è difficile non scivolare in banalità. Corridore popolare, iconico e seguitissimo, ha per molti anni dato da mangiare ai migliori e ai peggiori giornalisti, sia quando vinceva e soprattutto quando perdeva. Chi si è affacciato ultimamente al mondo del ciclismo ha potuto vedere solo il declino della sua carriera,Continua a leggere “FABIO ARU: IL CORRIDORE MISTERIOSO”

17° TAPPA VUELTA ESPAÑA: OGGI MI ASPETTAVO BERNAL E LUI NON MI HA DELUSO. ROGLIC È FANTASTICO

17° tappa della Vuelta, una delle più dure, una delle più belle. Fino a questo punto, ed è già tardi, i corridori hanno quasi scherzato. In maglia roja c’è tal Eiking, vichingo della Intermarché-Wanty-Gobert, che ancora vive di rendita per una fuga bidone nella prima settimana, ma anche grazie a buone gambe forse sottovalutate. RogličContinua a leggere “17° TAPPA VUELTA ESPAÑA: OGGI MI ASPETTAVO BERNAL E LUI NON MI HA DELUSO. ROGLIC È FANTASTICO”

IL SALTO NEL BUIO DI REMCO EVENEPOEL

È passato un anno esatto e mi è capitato di tornare, in bicicletta, nell’esatto punto in cui Remco Evenepoel cadde durante il Lombardia 2020. A tutti i ciclisti è capitato, almeno una volta nella vita, di cadere. Cadere è sempre brutto, ma ci sono cadute e cadute. Ci sono quelle che lasciano segni sul corpoContinua a leggere “IL SALTO NEL BUIO DI REMCO EVENEPOEL”

SÌ CHE C’È SPAZIO PER TUTTI, MALEDIZIONE

Li avete mai visti questi cartelli? Da qualche tempo ognuno di noi può spingere la propria amministrazione comunale alla loro installazione. Personalmente li reputo molto importanti, infatti anche io ho scritto (per ora inutilmente) al mio comune richiedendo di metterli anche nel mio paese. La consapevolezza che la strada è anche per i ciclisti vaContinua a leggere “SÌ CHE C’È SPAZIO PER TUTTI, MALEDIZIONE”

OMNIUM: UNA CORSA TUTTO MUSCOLI E TUTTO CERVELLO. ED ELIA VIVIANI LI HA ENTRAMBI

Avete mai seguito le prove dell’Omnium? È una di quelle discipline incredibilmente affascinanti se conosci a menadito le regole, altrimenti non capisci una fava di quello che sta succedendo, nonostante le classifiche aggiornate in sovraimpressione e i telecronisti che spiegano in diretta la situazione. Per correrla ci vuole un cervello finissimo, oltre che muscoli daContinua a leggere “OMNIUM: UNA CORSA TUTTO MUSCOLI E TUTTO CERVELLO. ED ELIA VIVIANI LI HA ENTRAMBI”

LA SCENEGGIATURA DELL’ORO OLIMPICO DELL’INSEGUIMENTO A SQUADRE AVREBBE POTUTO SCRIVERLA ALFRED HITCHOCK.

La parte dei cattivi, non ce ne vogliano, è dei danesi. Forti, anzi fortissimi, campioni del mondo, ma che approdano in finale dopo una semifinale assurda, in cui persino gli inglesi ne escono simpatici; perché derubati, regolamento alla mano, di una finale che comunque non avrebbero meritato. Molti di noi avrebbero preferito affrontare gli inglesi,Continua a leggere “LA SCENEGGIATURA DELL’ORO OLIMPICO DELL’INSEGUIMENTO A SQUADRE AVREBBE POTUTO SCRIVERLA ALFRED HITCHOCK.”

PRIMOŽ ROGLIČ MEDAGLIA D’ORO NELLA CRONOMETRO! GANNA AVEVA QUALCHE PROBLEMA DI POSIZIONAMENTO?

Se fossi in te, mio adorato Primone, dedicherei questa medaglia a tutti quelli che ancora ti considerano un mezzo corridore, nonostante tu abbia vinto due Vuelta, una Liegi, una serie impressionante di corse di una settimana e sia salito sul podio a Giro e Tour. Ma tu non lo farai, perchè sei un signore. CongratulazioniContinua a leggere “PRIMOŽ ROGLIČ MEDAGLIA D’ORO NELLA CRONOMETRO! GANNA AVEVA QUALCHE PROBLEMA DI POSIZIONAMENTO?”

PER UNA RAMPA

Dico subito quello che penso: la mia opinione è che Mathieu Van der Poel non sia una cima di intelligenza. Non sto dicendo che è stupido; esistono tanti tipi di intelligenza che possono emergere nei diversi contesti. C’è chi è in grado di smontare e rimontare qualunque macchinario, chi è bravo coi numeri, chi afferraContinua a leggere “PER UNA RAMPA”

TOKYO 2020: RICHARD CARAPAZ HA VINTO LE OLIMPIADI. L’ITALIA NON POTEVA FARE MOLTO DI PIÙ MA È DA RIVEDERE. I PREPARATORI ATLETICI DOVRANNO DARE QUALCHE SPIEGAZIONE AI PROPRI CAPI.

Allora, ci sono un sudafricano, uno slovacco, un ceco, un venezuelano e un greco. Sono in Giappone e hanno venti minuti di vantaggio. Sembra l’inizio di una barzelletta, poi vedo Geraint Thomas per terra e capisco che si tratta della realtà. Ho acceso il televisore che mancavano circa 140km al traguardo e la situazione stavaContinua a leggere “TOKYO 2020: RICHARD CARAPAZ HA VINTO LE OLIMPIADI. L’ITALIA NON POTEVA FARE MOLTO DI PIÙ MA È DA RIVEDERE. I PREPARATORI ATLETICI DOVRANNO DARE QUALCHE SPIEGAZIONE AI PROPRI CAPI.”

CHI SONO I CICLISTI E PERCHÉ È IMPORTANTE CAPIRLO

Oltre a ciclista, sono anche automobilista e motociclista, e ho imparato che per cercare di evitare incidenti non basta rispettare il codice della strada ed essere prudenti, ma occorre avere mille occhi e prevedere le mosse degli altri mezzi che occupano la strada. Prevedere il comportamento degli altri non è semplice, perché bisogna ragionare perContinua a leggere “CHI SONO I CICLISTI E PERCHÉ È IMPORTANTE CAPIRLO”

VIDEO: UN SOLO GIRO IN BICI, TRE POTENZIALI PERICOLI

In una recente discussione su Facebook ho invitato un automobilista ad accompagnarmi in bicicletta una mattina qualsiasi all’ora di punta, così che potesse rendersi conto di cosa succede in strada dal nostro punto di vista. Pensandoci bene, non è necessario; ho montato la mia Cam sul manubrio e sono partito. Il viaggio, che mi haContinua a leggere “VIDEO: UN SOLO GIRO IN BICI, TRE POTENZIALI PERICOLI”

UN UOMO SOLO AL COMANDO

Quando porto in giro le mie bimbe, anche a piedi, indosso magliette da ciclismo. Son d’accordo con voi, per moda e estetica non è il massimo, ma volete mettere la funzionalità? “Papà, voglio l’acqua!” – Tac –“Papà, mi serve un fazzoletto!” – “Tac”. Sabato scorso, durante un’escursione sul Colle di San Maffeo, indossavo la magliettaContinua a leggere “UN UOMO SOLO AL COMANDO”