THOMAS PIDCOCK É GIÁ LEGGENDA (E SE MIA NONNA AVEVA LE RUOTE ERA UN CARRETTO)

Eh ma non c’erano Van Aert e Van der Poel.

Eh ma un percorso così veloce e secco non è da ciclocross.

Eh ma un mondiale negli Stati Uniti.

Non scherziamo. All’età di 22 anni, il piccolo e minuto Tommaso Pidocchio aka Thomas Pidcock da Leeds, è già un gigante del ciclismo.

Il CICLISMO tutto maiuscolo, anzi.

Campione olimpico nella MTB A Tokyo, già vincitore di una corsa su strada al primo anno di professionismo (per non menzionare le grandi vittorie nelle categorie giovanili), e da oggi anche campione del mondo di ciclocross.

Una corsa senza storia. Per una volta sembrava che persino nel ciclocross si potesse fare un pizzico di gioco di squadra, ma dopo un inizio interlocutorio con diversi attacchi di belgi, il nostro pidocchietto ha allungato senza apparente fatica e ha salutato tutti.

Mentre dietro si affannavano lui beveva, cosa non scontata in una disciplina dove è rarissimo vedere un portaborracce.

E ha vinto, anche regalando al pubblico un saltello sull’ultima discesa e tagliando il traguardo in posizione Superman, davanti a Van der Haar che mette nel sacco Iserbyt in volata.

Pidcock è giovane, simpatico e sfrontato. Quest’anno vuole vincere tutti e tre i mondiali: ciclocross, mtb e strada.

1. Check.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: